denti
ossa
muscoli

ORTODONZIA  INTERCETTIVA

Cosa intercettare?

Quelle malocclusioni che iniziano a manifestarsi già in infanzia per alterazioni del corretto sviluppo dei denti, delle ossa mascellari o dei muscoli e che beneficiano di un trattamento precoce

Perchè intercettare?

Per evitare che sia la funzione masticatoria e respiratoria, sia l’estetica, continuino a peggiorare durante la crescita. Un trattamento tardivo potrebbe risultare più lungo e complicato

Come intercettare?

Con trattamenti rapidi e apparecchi non invasivi. Intervenire sulla crescita di un bambino è più semplice che modificare l’anatomia ben più strutturata di un adolescente o di un adulto

SCRITTA

ESPANSORE DEL PALATO

semplice, efficiente, efficace

L’espansione del palato è la procedura ortodontica-ortopedica più efficiente ed efficace da potersi attuare nel bambino. Con un semplice apparecchio a vite incollato ai denti e una chiavetta di attivazione si riescono a esercitare forze di piccola entità, che risultano però in grado di aprire la sutura mediana del palato non ancora ossificata all’età di 7-8 anni. I benefici sono notevoli: si aumentano le dimensioni dell’arcata superiore fornendo più spazio per i denti permanenti, si migliora la capacità respiratoria nasale riducendo la tendenza alla respirazione orale e il rischio di ipertrofia adenoidea e tonsillare, oggi sempre più frequentemente riscontrate nei bambini.

SPACE MANAGEMENT

guida all’eruzione

Lo space management è un insieme di procedure che si adoperano durante la fase di permuta della dentizione con lo scopo di gestire nel migliore dei modi lo spazio disponibile per i denti permanenti in eruzione così da limitare quanto più possibile il disallineamento dentale

Slice sequenziale

Lo slice sequenziale è una procedura di gestione dello spazio in arcata per i denti permanenti. Consiste nel limare in maniera sequenziale alcuni denti da latte, destinati alla permuta, per fornire più spazio sin da subito ai denti permanenti in eruzione

Questa procedura si adopera a partire da 7-8 anni, dopo l’eruzione degli incisivi permanenti, in quei bambini in cui già a quest’età si manifesta una moderata carenza di spazio con disallineamento degli incisivi permanenti
La procedura dello slice sequenziale serve a guadagnare qualche millimetro di spazio in più per consentire sin da subito agli incisivi permanenti di allinearsi meglio. Questi millimetri di spazio sono disponibili grazie al fatto che il secondo molare da latte è circa 2mm più grande del premolare che lo rimpiazzerà. Il secondo molare da latte è infatti l’ultimo dente che nella sequenza dello slice viene limato, proprio di circa 2mm, in modo che occupi lo spazio giusto sufficiente per il suo succedaneo (il premolare) e liberi quei 2mm di spazio in più che, in alcuni bambini, possono tornare utili per un miglior allineamento degli altri denti
Lo slice sequenziale è una procedura che offre notevoli vantaggi nel futuro prossimo del bambino. Infatti consentendo agli incisivi permanenti di potersi meglio allineare sin dall’età di 7-8 anni si ottengono due benefici: l’eventuale trattamento ortodontico completo, che potrà iniziare solo quando tutti i denti permanenti saranno erotti (a circa 12-13 anni), sarà più breve perchè ci saranno da correggere difetti minori; inoltre il risultato finale risulterà più stabile poichè tanto minori sono le correzioni tanto più stabile è il risultato nel tempo

Mantenitore di spazio

Un mantenitore di spazio è un apparecchio intra-orale, invisibile durante il sorriso
Deve essere utilizzato in quei casi in cui un dente da latte viene perso quando ancora manca troppo tempo prima che il dente permanente sottostante erompa al suo posto in arcata
Se lo spazio creatosi per una perdita prematura di un dente da latte non viene protetto, i denti attigui tenderanno a migrare verso questo spazio, occupandolo del tutto o in parte. Quando per il dente permanente sottostante arriverà il momento di erompere non trovera più lo spazio che gli spettava e non potrà che disporsi scorettamente
Mantenere lo spazio per un dente permanente quando ancora manca tanto tempo prima che erompa è un obbligo per l’ortodontista. Se questa procedura viene ignorata, il disallineamento dei denti sarà più grave e il futuro trattamento ortodontico completo (all’età di 12-13 anni) più lungo e complicato

APPARECCHI EXTRA-ORALI 

stimolare la crescita

Gli apparecchi extra-orali sono dispositivi che vengono indossati dal bambino per 12-14 ore al giorno, quindi a casa nelle fasce orarie serali e per tutta la notte. Vengono adoperati per cercare di ristabilire una crescita armoniosa tra la mascella e la mandibola nei casi in cui una delle due cresce in eccesso o in difetto rispetto all’altra. Nei casi in cui manca questa armoniosità tra mascella e mandibola, anche l’occlusione dentale non potrà stabilizzarsi in modo corretto con probabili conseguenze estetiche e funzionali.